S. Francesco d'Assisi - Patrono d'Italia - 4 ottobre

San Francesco, a speranza, a morte e l'ommini amichi dell'animali
di Giovanni Lo Curto

Frate, dicheno tutti che sei bono e tanto vali,
ma po' esse mai, che parli e comprenni l'animali?
E' vero e nun è strano, io sò Cesco, er menestrello.
Canto e lodi ar Signore e tu, canta cò me fratello;
Chè fra de noi bigna che semo 'n po' più cheti,
E amà l'ucelli li pesci er sole e tutti li pianeti
Che s'aiutamo, pè volesse bbene tutti quanti.
Dovemo scaccià l'infamità e fà come li santi.
Amà e accarezzà tutti l'animali, frati a noi,
penzece bene; se po' fà. Abbasta che tu lo vòi.
E io proprio a te cercavo, l'ha vorzut'er cielo,
che io t'encontrassi qui proprio, sott'à stò ber melo.
Frate Cesco, c'è un lupo brutto ch'è cattivo assai,
nisuno passa più pè que la via, pè nun trovà li guai.
senti, Francè, ar villaggio dicheno se ce pòi parlà;
Tu 'na parola j'hai da dì e lui così s'ammanzirà
'Namo 'n pò e vedemo de cercà tutti stò mi fratello,
che pè lla cattiveria sua, se n'è escito de cervello.
Frate lupo! Ma vedi 'n pò tu cos'è che me combini!
Hai messo tutt'er villaggio in mezzo alli casini.
Si vedi la ggente, nun me la devi più ammozzicà!
Promettimelo e vai, vedi che te daranno da magnà.
Doppo quarche mese, er frate dellà t'aripassa
Frate lupo lo chiama, lo blocca e nun lo lassa
Frate! È un frego che te cerco ma 'ndò stavi?
da che te ne sei ito 'n ciò avut'antro che mali.
Prima te corevo incontro a quarsivoja rumore,
strillànno, volemise bene ner nome der Signore.
Ma er Tempo passa e nun te cancella sol'a bertà,
lui, arisuscita la cattiveria ammazzanno a bontà.
Da mò, che me la batto, antro che parlà d'amore,
nun dormo e magno più, ciò sempre er batticore.
Ce sò ommini pieni de cattiveria, proprio infami,
Cercavo solo 'n po' d'amore e li ritaji dei pollami.
Donne omini e vecchi mò, me pijeno a bastonate
E li pischelli si me vedeno me stroppiano a serciate.
Frate Cesco, guarda sì che guaio m'hai tu messo,
in quattr'e quattr'otto, m'hanno mazziato e lesso.
E' tutta corpa tua, nun te dovevo dà proprio retta,
mò vedi 'n pò'ndo te ne devi annà e a tutta fretta.
Frate lupo, è vero, io t'ho chiesto de nun mozzicà,
però nun t'ho mai detto che li denti nun dovevi digrignà.
Eh vabbhè, ma sti giochi so sporchi e li fanno li politici
sei mica ito a scola da loro, penzece e pòi m'ò dici.
E creature der Signore, sì, ciànno amore drent'ar core,
ma l'omo, p'arubbasse de tutto, ce conta solo l'ore.
Scorazza pè su e pè giù, spargendo 'n granne parapija
E ner frangente lui tira affà tutto, ammicca e tutto pija.
Bòno, frate lupo, stò monno, ha da svortà, tu: spera.
A frate Cè, la tua credi a mè, è propio 'na chimera.
Parli che te riparli, 'na cosa a stò monno è propio forte:
hai da vive sempre, avenno paura de la sora morte
Vorei sapè, mò, su un punto, propio er tu' parere:
perché si uno de speranza vive, poi, disperato more?
Sperà va bbene! Ma la cosa la devi da seguì e da curà,
sinnò er cattivo, prima se gratta e poi te viè a fregà.